Per maggiori informazioni chiama il nostro numero verde:  800-600-877

Rischio di esposizione dei lavoratori a sostanze pericolose

Documentazione per la gestione delle sostanze chimiche


Titolo IX D.Lgs. 81/08 (Testo Unico sulla salute e sicurezza dei lavoratori).

  • agenti chimici: elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato naturale o ottenuti, utilizzati o smaltiti, compreso lo smaltimento come rifiuto mediante una attività lavorativa, siano essi prodotti intenzionalmente o no e siano immessi o no sul mercato
  • agenti cancerogeni e mutageni (es. polveri di legno duro, formaldeide, benzene, etc.): sostanze, preparati classificati cancerogeni.
  • esposizione ad amianto: per attività connesse a lavori di manutenzione, rimozione, smaltimento e trattamento dei relativi rifiuti

La normativa specifica precisi limiti entro cui devono rientrare le attività lavorative per evitare danni alla salute dei lavoratori.

Progetto Servizi srl offre supporto alle aziende di Brescia Bergamo ai fini di una corretta valutazione del rischio, campionamento personale e ambiente secondo normativa, definizione dei programmi e misure di prevenzione e protezione dei lavoratori.

Come valutare il rischio?

1. Analizza l’etichettatura: dal 1 giugno 2015 è entrato definitivamente in vigore il Regolamento (CE) 1272/2008 relativo alla classificazione, etichettatura ed imballaggio (CLP- Classification Labelling Packaging) delle sostanze e delle miscele con l’introduzione di nuovi pittogrammi di rischio.

NUOVI SIMBOLI SECONDO REGOLAMENTO CLP

ATTENZIONE: con la Circolare del Ministero della Salute n.0018101 26 maggio 2015 è stata applicata una deroga di due anni per l’adozione dell’etichetta CLP per le miscele fabbricate e immesse in commercio prima del 1° giugno ai sensi dell’art. 61, par. 4 del regolamento,

2. Determinazione dei limiti di esposizione dei lavoratori: campionamenti personali e ambientali nei reparti di lavoro ove si riscontra la presenza di particelle aerodisperse, che nel tempo possono portare a danni permanenti ai lavoratori esposti.

3. Determinazione di programmi e misure specifiche di prevenzione e protezione, piani di sorveglianza specifici

4.Determinazione dei corretti DPI –dispositivi di protezione individuale, misure preventive per limitare il rischio, misure da adottare in caso di incidenti o emergenza.

Aggiornamento del documento

La valutazione del rischio da agenti pericolosi deve essere aggiornata con cadenza triennale, ed ogniqualvolta si verificano modifiche  nelle sostanze o nei preparati utilizzati.

Questa alcune delle principali modifiche intercorse in questi anni:

  • Regolamento Europeo 605/2014: introduzione di una nuova classificazione per alcune sostanze
  • FORMALDEIDE: classificata cancerogena (Carc. 1B; H350). Dal 1 gennaio 2016 è scaduto il periodo transitorio che consentiva di aggiornare il Documento di Valutazione del rischio cancerogeno da formaldeide.
  • STIRENE: classificato H361f (Sospettato di nuocere al feto)
  • ETILBENZENE: classificato H304 (Può essere letale in cado di ingestione e di penetrazione delle vie respiratorie)
  • Regolamento (CE) 1272/2008 – CLP come unico regolamento di classificazione delle sostanze, nuovi punteggi di pericolo e nuove condizioni di utilizzo delle miscele.

I tecnici della Progetto Servizi Srl, garantiscono un aggiornamento continuo della valutazione del rischio chimico secondo le attuali normative in essere.

Sanzioni

Sanzioni D.Lgs. 81/08: il datore di lavoro è punito con arresto da 3 a 6 mesi o con ammenda da 2.740 a 7.014,4 € per la mancata valutazione e/o aggiornamento del rischio

Per maggiori informazioni relative a questo servizio compila il modulo sottostante