L'importanza dell'individuazione del Preposto per la tutela della sicurezza sul lavoro - Progetto Servizi


 L'importanza dell'individuazione del Preposto per la tutela della sicurezza sul lavoro - Progetto Servizi

Con riferimento al D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 – Art. 2.Definizioni

“1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto legislativo si intende per:

e) «preposto»: persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa;”.

La Cassazione Penale, Sezione IV, con la Sentenza 14 gennaio 2010 n. 1502 ha chiarito l’individuazione normativa della figura del preposto per la sicurezza:

“il preposto è una delle tre figure cui, secondo la nostra legislazione antinfortunistica e secondo la giurisprudenza formatasi al riguardo, competono, nell’ambito dell’impresa, specifiche posizioni di garanzia autonomamente previste. Il preposto, come il datore di lavoro e il dirigente, è individuato direttamente dalla legge e dalla giurisprudenza come soggetto cui competono poteri originari e specifici, differenziati tra loro e collegati alle funzioni a essi demandati, la cui inosservanza comporta la diretta responsabilità del soggetto iure proprio. Il preposto non è chiamato a rispondere in quanto delegato [o persona incaricata] dal datore di lavoro, ma bensì a titolo diretto e personale per l’inosservanza di obblighi che allo stesso, come già si è detto, direttamente fanno capo.

Dal nostro blog